Farmacia Serri

c/o Centro commerciale L'Ariosto - Reggio Emilia

Chi siamo Dove siamo Contatti e orari

Home Prodotti Servizi Offerte Eventi Blog Link

Blog archivio

Notizie a cura dei farmacisti di Farmacia Serri

Archivi per la categoria ‘Mali di stagione’

I prodotti naturali per le punture di insetto

mercoledì, 7 luglio 2010

L’estate è il periodo dell’anno in cui il problema degli insetti è più sentito. Esistono numerosi tipi di insetti molesti, la maggior parte dei quali innocua o al più causa di irritazioni locali che risolvono in breve tempo, sempre che non sussistano fatti allergici; altri sono più pericolosi e portatori anche di malattie serie, come ad esempio le zecche, con la temuta, seppur non frequente, malattia di Lyme o borreliosi, di origine batterica, e l’ancora più insidiosa encefalite virale, endemica, fra i 400 e i 1000 metri slm, in talune regioni alpine del Nord-Est italiano.

I rimedi

I mezzi per poter ovviare a questi spiacevoli inconvenienti sono preventivi, con sostanze insettorepellenti, e terapeutici, con preparati per uso topico (o orali e parenterali in casi più seri). Concentrandoci su principi di origine naturale, ai primi appartengono oli essenziali quali citronella, geranio, eucalipto, olio di neem, basilico, che possono essere usati sia negli adulti che nei bambini. Sono sostanze profumate gradevoli all’uomo ma fastidiose agli insetti che così si allontanano. Un posto di rilievo ha il Ledum palustre, una sorta di rosmarino selvatico, utilizzato insieme ad Apis o ad Arnica anche per via orale in diluizione omeopatica per alleviare i sintomi delle punture.

La febbre e l’omeopatia

mercoledì, 25 novembre 2009

La febbre è una reazione benefica che il nostro organismo attua nei confronti di virus e batteri, nel tentativo di risolvere l’infezione sostenuta dai microrganismi. La febbre può anche essere dovuta ad altre patologie (es. alcuni tipi di neoplasie); noi ci riferiremo solo alla febbre secondaria a sindromi influenzali o a rinofaringiti.
Proprio perché reazione utile e fisiologica, bisognerebbe evitare di utilizzare farmaci per abbassare la temperatura bruscamente, a meno che non si superino i 38/38,5°C, nel qual caso il disagio fisico e, nei bambini, il rischio potenziale di convulsioni (oltre 39,00° C) ne giustificano l’uso.

Rimedi omeopatici

A parte il noto e diffusissimo paracetamolo, esistono alcuni rimedi omeopatici:
- primo fra tutti Aconitum se il rialzo termico è improvviso e il paziente è agitato,
- Belladonna se ha il volto rosso e la cute calda e secca o
- Ferrum Phosphoricum se la febbre è moderata e manifesta tendenze emorragiche (nelle riniti sono frequenti).

Tutti i rimedi qui elencati devono essere assunte a basse diluizioni: la 5CH o la 9CH sono le più indicate.

Vitamina C e zinco per le infezioni virali

giovedì, 17 settembre 2009

Con l’arrivo della stagione autunnale, si ripresenta il problema di alcune infezioni virali responsabili delle malattie da raffreddamento e delle influenze. Oggi abbiamo a disposizione molti prodotti farmaceutici, erboristici o omeopatici per far fronte a questa emergenza e attuare una efficace prevenzione.

VITAMINA C

La vitamina C o acido ascorbico svolge un ruolo importante nella modulazione del sistema immunitario.
In natura la si trova in particolare nel frutto della rosa canina e nell’acerola, e ancora in peperoni, kiwi, arance e crucifere. Sempre fra le sue positive azioni immunitarie, favorisce l’assorbimento dello zinco.

ZINCO

Lo zinco è un oligoelemento presente in piccole quantità nel nostro organismo e in alcuni alimenti fra cui il lievito di birra, le carote, le noci, i piselli, avente a sua volta una funzione di stimolo dei linfociti T.

Insieme

Grazie al sinergismo delle due sostanze, vengono spesso presentate insieme in diversi prodotti erboristici che ne contengono la razione giornaliera raccomandata.

Consigli dietetici per l’estate

lunedì, 1 giugno 2009

L’avvicinarsi della stagione estiva comporta una serie di piccoli accorgimenti per affrontare con successo il caldo, ad esempio assumere regolarmente integratori di sali minerali, in particolare magnesio e potassio, soprattutto per chi soffre di pressione bassa. E’ utile preferire in tavola la frutta (attenzione però ai succhi in particolare industriali per chi soffre di esofagite o gastrite) e soprattutto la verdura di stagione. Questi alimenti contengono infatti una elevata percentuale di acqua, indispensabile per reintegrare quella persa con la sudorazione, sali minerali, vitamine, pochi grassi. In generale si può dire che le verdure scure e a foglia larga sono ricche di acido folico, ferro, riboflavina, magnesio e potassio. Le verdure gialle (peperoni, pomodori, carote) contengono una elevata concentrazione di vitamina A e C a potente azione antiossidante. Non è trascurabile la presenza di fibre che agiscono favorevolmente sulla funzione intestinale. Ottimo anche il consumo di carboidrati a lenta cessione (pasta, riso, cereali), poca carne e un aumento del consumo di pesce (indispensabile per l’apporto di fosforo e di acidi grassi omega 3).

Le allergie primaverili

mercoledì, 1 aprile 2009

Per allergia si intende una reazione abnorme da ipersensibilità a sostanze, denominate allergeni, normalmente innocue. Il sistema immunitario allora reagisce a questa intromissione estranea producendo una forte quantità di istamina, responsabile dei sintomi caratteristici delle allergie quali:

  • rinite (si parla infatti di rinite allergica),
  • orticaria,
  • lacrimazione
  • e, nei casi più seri, broncospasmo e asma.

Riniti allergiche (pollinosi)

Per quanto riguarda le riniti allergiche (pollinosi), si distinguono:

  1. i tipi primaverili causati essenzialmente da pollini di alberi,
  2. i tipi estivi causati invece da pollini di erbe e
  3. quelli autunnali i cui responsabili sono da ricercare in alcune specie di erbe selvatiche.

Naturalmente la casistica è molto ampia e può comprendere anche spore fungine aeree e altro ancora.

Trattamento farmacologico

Il trattamento farmacologico standard prevede la somministrazione di antistamici per contrastare la iperproduzione di istamina e, nei casi più severi, di cortisonici da soli o in associazione.

Omeopatia per il mal di gola

venerdì, 2 gennaio 2009

Il mal di gola è un sintomo tipico della stagione fredda, può presentarsi da solo o essere accompagnato da raffreddore e febbre e inserirsi quindi in un quadro sintomatologico influenzale.

La letteratura omeopatica propone a questo proposito un ampio spettro di rimedi.

Belladonna

Belladonna in bassa diluizione (5, 9 CH) è spesso risolutiva in caso di esordio repentino e violento, gola estremamente arrossata e secca con dolore che si irradia alle orecchie (soprattutto a destra). È presente sete intensa.

Apis

Apis (5, 9 CH) si differenzia da Belladonna in quanto l’edema è roseo e il paziente non ha sete; l’ugola è gonfia e la sensazione è come di una fitta o di una puntura come quella prodotta, appunto, da un’ape.

Mercurius solubilis

Mercurius solubilis (5 CH) è fondamentale se le tonsille sono infiammate con tendenza a suppurare e i gangli della nuca e del collo sono ingrossati.

I rimedi citati sono quelli basilari per il trattamento del mal di gola stagionale, altri possono essere aggiunti in base ai sintomi chiave. La posologia media è di 3 granuli 3 volte al giorno anche in associazione.

Echinacea e propoli per affrontare l’inverno

mercoledì, 1 ottobre 2008

Una valida alternativa ai lisati batterici liofilizzati, utilizzati per diminuire le recidive degli episodi acuti a carico dell’apparato respiratorio e broncopolmonare in particolare, può essere rappresentata dall’echinacea, una pianta fiorita perenne originaria del Nord America.

Echinacea

I principi attivi contenuti nell’echinacea svolgono un’interessante attività immunomodulatrice.Questi alcaloidi rafforzano l’organismo e lo aiutano a contrastare le malattie stagionali quali raffreddori e influenza agendo sia sul sistema immunitario aspecifico (fagociti), sia su quello specifico costituito essenzialmente dai linfociti differenziati in B, T e NK (Natural Killer) che hanno il compito di produrre le immunoglobuline (o anticorpi) capaci di distruggere i microrganismi patogeni.

Abbinata alla propoli in farmacia

Se si tratta di un fatto acuto, sono utili delle formulazioni reperibili in commercio a base di echinacea e propoli, avendo la seconda una spiccata attività antibatterica, antivirale e antifungina esercitata dai flavonoidi in essa contenuti. Questa combinazione, sotto forma di compresse masticabili o di spray orali, si è rivelata eccellente per combattere il mal di gola sia dei bambini che degli adulti.

Farmacia Serri Blog

XHTML 1.0 | CSS 2 | Web design by Webmatter.it